non più di un post al giorno, pubblicazione in tempo reale, argomento libero, niente contro-post ma commenti

venerdì 16 ottobre 2009

Paolo Branca al Binario 7 per Novaluna

di primo

Sala quasi del tutto piena. La presentazione di Paolo Branca la fanno Annalisa Bemporad e Edoardo Marino. Però dietro al tavolo sono in cinque. A fianco di Branca c'è lui, mezzo sudanese mezzo egiziano, è un venticinquenne laureando in Ingegneria Gestionale, e lei, probabilmente siriana, è una diciannovenne studentessa di Farmacia. Lei con un velo elegante, lui con un riccioluto zazzerone che sta benissimo sopra il suo metro e novanta di statura. Durante la serata si è aggiunta una vecchissima ventitreenne (anche lei col velo) laureanda non ho capito in che cosa. Laurea seria, però.
Avete capito tutto o quasi. La serata si è svolta con introduzioni di Branca alle testimonianze dei tre giovani, che avevano le tasche piene di passaporti, due o tre ciascheduno, salvo il passaporto italiano che non possono avere. Ma tutti e tre hanno parlato in una lingua italiana bellissima, senza inflessioni: per loro non sarà la lingua madre, ma certo è la lingua sorella. Immigrati di seconda generazione, come da programma. Branca ha detto che a Londra sono arrivati agli emigrati di settima generazione e che il 50% degli abitanti di Londra non è inglese.
Il quasi ingegnere (benemerita categoria!), ha raccontato un episodietto che mi ha fatto prudere le mani. In questi giorni, la televisione è a caccia di immigrati giovani, per far vedere come sono e come vivono. Sono arrivati da lui e dai suoi amici e gli hanno chiesto: "Ma voi andate in discoteca?" "Certo che sì che ci andiamo, se volete vi ci portiamo" "No, la discoteca giusta ce l'abbiamo noi". E li hanno portati in una discoteca di travestiti impasticcatori per riprenderli lì. Per la serie: "Non dite a mia madre che faccio il giornalista TV, crede che io faccia il pianista in un bordello".
Tutto bene, quindi.
Però.
Pensavo: "Esistono anche quelli brutti, che non spiccicano una parola d'italiano né vogliono spiccicarla. Cha fanno lavori manuali, notturni, a rischio. Che non sanno chi è Paolo Branca. Che danno retta al primo facinoroso magari malconvertito e che si è fanatizzato da solo, per suoi problemi irrisolti".
E allora, come domanda provocante, ho parlato del mio post precedente in Stanze all'aria: che avevo appreso il titolo immigrati di seconda generazione nello stesso giorno in cui era stata uccisa la diciottenne di Pordenone. Ho raccontato le tre immagini ad una ad una: Isacco, Ifigenia, Padre padrone. Avevo anticipato che non avrei fatto un intervento buonista: mi guardavano tutti e quattro un po' storto, ma interessati.
Credo che sia servito: Paolo Branca, nella conclusione, è uscito dal politicamente e religiosamente corretto e ha parlato delle origini patriarcali dei tre monoteismi. Ma soprattutto ha parlato delle condizioni di minorità in cui vivono le donne in tanti paesi islamici. Era ora.
L'unica cosa che non mi è andata giù è che, dopo aver ironizzato sulle leggi francesi che vietano il velo nelle scuole pubbliche, non abbia detto una parola sulle leggi italiane, per cui gli insegnanti di religione sono diventati dipendenti statali. Ma da un professore dell'Università Cattolica era pretendere troppo, me ne rendo conto.

Chiudo con versi antichissimi, in cui trovo le nostre radici, quelle feconde:

E dicendo così, tese al figlio le braccia Ettore illustre:
ma indietro il bambino, sul petto della balia bella cintura
si piegò con un grido, atterrito all'aspetto del padre,
spaventato dal bronzo e dal cimiero chiomato,
che vedeva ondeggiare terribile in cima all'elmo.
Sorrise il caro padre, e la nobile madre,
e subito Ettore illustre si tolse l'elmo di testa,
e lo posò scintillante per terra;
e poi baciò il caro figlio, lo sollevò fra le braccia.
e disse, supplicando a Zeus e agli altri numi
"Zeus, e voi numi tutti, fate che cresca questo
mio figlio, così come io sono, distinto fra i Teucri
così gagliardo di forze, e regni su Ilio sovrano;
e un giorno dica qualcuno: "E' molto più forte del padre!"

Omero, Iliade Libro VI 466-479
Traduzione di Rosa Calzecchi Onesti

Ettore, Andromaca e Astianatte 370-360 ac
Cratere apulo a figure rosse, Ruvo di Puglia

6 commenti:

ac ha detto...

ma Vincenzo Monti è stato pre-pensionato?

Solimano ha detto...

Et voilà Vincenzo Monti:

Così detto, distese al caro figlio
l'aperte braccia. Acuto mise un grido
il bambinello, e declinato il volto,
tutto il nascose alla nudrice in seno,
dalle fiere atterrito armi paterne,
e dal cimiero che di chiome equine
alto su l'elmo orribilmente ondeggia.
Sorrise il genitor, sorrise anch'ella
la veneranda madre; e dalla fronte
l'intenerito eroe tosto si tolse
l'elmo, e raggiante sul terren lo pose.
Indi baciato con immenso affetto,
e dolcemente tra le mani alquanto
palleggiato l'infante, alzollo al cielo,
e supplice sclamò: Giove pietoso
e voi tutti, o Celesti, ah concedete
che di me degno un dì questo mio figlio
sia splendor della patria, e de' Troiani
forte e possente regnator. Deh fate
che il veggendo tornar dalla battaglia
dell'armi onusto de' nemici uccisi,
dica talun: Non fu sì forte il padre:
E il cor materno nell'udirlo esulti.


Però dammi retta, Alberto, oggi sono tutti con Rosa Calzecchi Onesti. La traduzione di Vincenzo Monti gran traduttor dei traduttor d'Omero, come ironizzava Ugo Foscolo, è un capolavoro della poesia neoclassica, più che una traduzione di Omero.

saluti
Primo

ac ha detto...

tutto vero,
ma non vuoi lasciarmi
il diritto di nostalgia?

Solimano ha detto...

E come no. Il diritto alla nostalgia è un diritto sc... sc... scientificamente acquisito per tutti e due!

saluti, collega nostalgico
Primo

Claudio ha detto...

visitate il blog di yalla!



http://blog.vita.it/yalla/

25 ottobre 2009 8.14

alberto ha detto...

mi sembra meglio partire da http://www.yallaitalia.it/