non più di un post al giorno, pubblicazione in tempo reale, argomento libero, niente contro-post ma commenti

lunedì 7 dicembre 2009

Quattro modi di essere Carmen

di primo

Stasera, alla Scala di Milano, c'è l'attesissima prima della Carmen di Bizet. Ieri sono andato in ottima compagnia ad una iniziativa intelligente (ogni tanto accadono anche cose intelligenti, incredibile dictu).
Al cinema Gnomo di Milano, in Via Lanzone, vicinissimo a Sant'Ambrogio, è stata fatta una no stop dedicata a tre film sulla Carmen.
Stamattina mi sono alzato presto ed ho fatto un post robusto su Abbracci e pop corn aggiungendo un quarto film. Il post è qui

Come immagini, inserisco le Carmen dei quattro film.

Dorothy Dandridge in "Carmen Jones (1954) di Otto Preminger

Laura Del Sol in "Carmen Story" (1983) di Carlos Saura

Maruschka Detmers in "Prénom Carmen" (1983) di Jean-Luc Godard

Julia Migenes in "Carmen" (1984) di Francesco Rosi

2 commenti:

ottavio ha detto...

Non sono un appassionato di lirica, preferisco altri generi musicali, ma la Carmen è la Carmen. Una delle tre opere più dotate di bellissimi spunti musicali: le altre sono, secondo il mio gusto, il Peer Gynt di Grieg e Sheherazade di Rimsky-Korsakov. Non ci si stanca mai di ascoltarle.
Ho visto solo due dei film citati da Primo, quello di Carlos Saura e quello di Rosi. Il primo molto intenso, molto “spagnolo”, con gli attori, a partire da Laura Del Sol, molto efficaci nel disegnare i caratteri dei personaggi del dramma, anche se ricostruita nel mondo del ballo tradizionale gitano.
Il secondo piuttosto deludente sia nell’interpretazione (il palcoscenico dell’opera è evidentemente differente dal set cinematografico) sia più in generale per il proposito del regista di filmare quasi una rappresentazione operistica: ora, non è la stessa cosa assistere ad un’opera dal vivo a teatro o vederla riprodotta in uno schermo, si perde troppo!
Non ho visto gli altri due ma avrei voluto vedere Carmen Jones: originale e intrigante l’idea di una Carmen nera, ambientata nel mondo moderno americano!
Tornando a Carlos Saura, al Festival di Spoleto del 1995 aveva curato la regia di una Carmen che era stata trasmessa per TV e mi era piaciuta molto. Eppure il cast di cantanti e il direttore d’orchestra (Spoleto Festival Orch.) erano tutti, per me, sconosciuti. Adria Firestone nella parte di Carmen, Patrick Denniston (Don José), Liliana Marzano (Micaela), Greer Grimsley (Escamillo). Per lo più quindi cantanti americani, giovani e ben dotati. Direttore era Paolo Carignani.

Saluti. Giorgio

Solimano ha detto...

Giorgio, Massimo Mila una volta ha scritto che le due opere che stanno sopra a tutta la lirica sono la Carmen e il Boris. A suo modo aveva ragione. Dissento da te sulla Carmen filmica di Francesco Rosi. Non l'avevo mai visto, questo film, l'ho visto allo Gnomo l'altra sera e mi è sembrato paragonabile come livello alle edizioni filmiche di Bergman (Per il Flauto magico) e di Losey (per il Don Giovanni).

saluti
Primo